La ricerca in Oncologia

Da oltre 50 anni Roche è in prima linea nello sviluppo di programmi di ricerca con l’obiettivo di trasformare la cura del cancro.

Era il 1962 quando fu specificatamente progettato e sintetizzato il nostro primo chemioterapico somministrabile per via orale. Da allora la nostra conoscenza dei meccanismi molecolari alla base dello sviluppo e della diffusione dei tumori è continuamente migliorato e oggi sappiamo che ci sono più di 200 tipi diversi di tumore e che ciascuno di essi ha comportamenti differenti con tassi di crescita e progressione diversi. Per questo ciascuno richiede una terapia specifica e mirata: personalizzata.

Continuare ad investire in ricerca favorendo la diffusione della conoscenza attraverso strette collaborazioni con tutti i partner e sviluppare diagnostica e farmaci innovativi, continua ad essere la visione a lungo termine di Roche che rimane alla guida della grande era di innovazione nella lotta contro il cancro a cui stiamo assistendo.

Condurre il progresso delle conoscenze nell’ambito dell’immunoterapia e conoscerne i suoi meccanismi rimane una delle nostre priorità al fine di definire combinazioni razionali di farmaci immunoterapici che possano essere efficaci per ogni singolo paziente trattato.

 

 

La ricerca in oncologia ed ematologia in Italia

Sono 161 gli studi attivi che sono stati condotti in Italia nel 2018, dato in crescita del 5% rispetto all’anno precedente. Nel 2018 la pipeline di Roche si è arricchita ulteriormente, tanto che sono ben 12 le nuove molecole (“New Molecular Entities”) presenti nella fase di sviluppo precoce di Fase I alcune delle quali in sperimentazione anche in Italia come gli anticorpi monoclonali bispecifici nel trattamento del carcinoma della mammella, rene e nei tumori testa collo o anti CD20 TCB, in campo ematologico, nel trattamento del linfoma non-Hodgkin recidivato o refrattario. Nell’ambito della medicina personalizzata, sono 19 le molecole che nel 2018 sono state oggetto di sperimentazione in studi clinici di Fase I, II e III con uno specifico target molecolare. Più di 60 gli studi e quasi 2.500 i pazienti trattati per indicazioni quali il carcinoma della mammella, del polmone, della prostata e dei tumori ematologici.

Anche nel 2018 è stato confermato il significativo investimento nel trattamento di diverse tipologie di tumori con i nostri farmaci immunoterapici da soli o in associazione ad altri farmaci con un ampio programma in diverse indicazioni e che hanno coinvolto più di 1400 pazienti in 32 studi clinici.