A te la parola

Abbiamo tanto da ascoltare e da imparare.

 

Per Roche l’opinione di tutti è importante

Con “A te la Parola” diamo inizio a una serie di attività dedicate all’ascolto, elemento fondamentale per definire il miglior futuro possibile per la ricerca.

Si tratta del primo progetto di ascolto, rivolto a professionisti del settore sanitario, studiato per capire aspettative, preferenze e bisogni, e poter fare insieme la differenza.

La recente innovazione con nuovi farmaci introdotta da Roche nell’ambito del trattamento di Emofilia e Fibrosi Polmonare Idiopatica (IPF) sono un esempio del successo del nostro impegno.
 

Ogni risposta che riceviamo è un dono speciale: non solo ci aiuterà capire come migliorare, ma si tradurrà in un supporto concreto alla ricerca clinica indipendente, grazie alla partnership con la Fondazione Telethon con una donazione a favore di due centri d’eccellenza sulle malattie genetiche rare:
 

Infatti una delle più urgenti sfide nell’ambito della ricerca scientifica di oggi è rappresentata dalle malattie rare: riguarda 5 persone su 10.000 e ci sono 19.000 nuovi casi ogni anno. Non si tratta di numeri, ma di donne, di uomini e di bambini.


Fin dai primi del ‘800, abbiamo fatto dell’innovazione il motore propulsivo nello studio di soluzioni terapeutiche sempre all’avanguardia, concentrando il nostro impegno nella ricerca sulle malattie rare.

Da allora, ogni giorno ricerchiamo e studiamo farmaci in grado di rivoluzionare lo standard di cura. 



Gli innovativi farmaci che abbiamo introdotto nell’ambito del trattamento di Emofilia e Fibrosi Polmonare Idiopatica (IPF) sono elementi importanti nella battaglia contro le malattie rare: stiamo collaborando con laboratori di neuroscienze nella produzione di farmaci che contrastino un ampio ventaglio di malattie neurologiche neurodegenerative e neuromuscolari, come la SMA(Atrofia Midollare Spinale), la Sclerosi multipla, la Neuromielite Ottica, la malattia di Huntington, l’Autismo e la Distrofia muscolare di Duchenne.

Sosteniamo inoltre progetti sociosanitari-assistenziali che si impegnano a migliorare la qualità di vita dei pazienti e valorizzano i caregiver che ogni giorno sono accanto alle persone colpite da malattie rare.
 

Un esempio del nostro impegno è rappresentato da iniziative come ‘A fianco del coraggio’, o progetti di informazione e sensibilizzazione verso la comunità, come “Ridisegniamo l’emofilia”.
 

È tanto, ma sappiamo che non basta.

È un percorso difficile e di grande responsabilità che non possiamo fare da soli.
 

Per questo vogliamo aiutare chi ogni giorno ha il coraggio di seguire nuove strade, di superare i fallimenti dando prova di tenacia, dedizione e creatività̀ e di portare avanti, spesso nel silenzio dei laboratori, qualcosa di grande: il progresso della salute.  
 

Nato nel 2016, il bando Roche per la Ricerca continua a finanziare progetti orientati alla medicina di precisione in ambiti della salute dove ancora c’è un alto bisogno: oncologia, ematologia, reumatologia, malattie respiratorie, disturbi della coagulazione ereditari, neuroscienze e la relazione medico-paziente.

Per finanziare la buona ricerca Fondazione Roche promuove diverse iniziative a testimonianza del continuo sostegno alla ricerca indipendente.
 

Un altro esempio del nostro impegno è il Bando “Roche Healthbuilders”, dedicato a giovani ricercatori Under 40 e giunto alla 3° edizione, quasi 2000 progetti presentati e 3 milioni di euro investiti in borse di studio dedicate, fra le altre cui le malattie rare.
 

Come prima Customer-Inspired Company del settore farmaceutico siamo orgogliosi di quello che stiamo costruendo insieme.

#latuaesperienzaconta
può salvare la vita
Per maggiori info visita il sito http://www.rocheperlaricerca.it